Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
6 dicembre 2013 5 06 /12 /dicembre /2013 13:57

Quando in nome della preminenza del concetto rispetto all'oggetto di percezione si dichiara automatica la rappresentazione, si afferma implicitamente automatico anche il relativo concetto, dato che la rappresentazione non è altro che un concetto "individualizzato" (Rudolf Steiner, FdL, cap. 6°, § 6).


Questo è l'errore dello spiritualista che nella sua missione del "dotto" (attivismo) crede di far fuori in tal modo l'oggetto di percezione, la percezione materiale, minerale, il materialismo, ecc., come mali da combattere. Ma questi non sono il male. Sono solo il lato della realtà da sperimentare mediante l'io, lo spirito.


Il male è l'anacronistico attivarsi per crociate antimateria, senza accorgersi che tale operare è attivismo materialistico, avente di fronte a sé l'antimateria reale, data dalla concretezza stessa del vivo pensare.


Per Fichte l'inesistenza di un mondo esterno consisteva nell'interpretazione del mondo esterno come non-io. Ma questa è cecità volontaria, in quanto è impossibile interpretare una cosa come non-cosa.


La figura di Edgar Rubin è detta ambigua o doppia, perché vi si può vedere a piacere tanto una cosa quanto un'altra: si vede ciò che si vuole (i due profili o il vaso) per il semplice fatto che gli oggetti di percezione diventano rappresentazioni NON in modo passivo o automatico, bensì a seconda dell'immissione di volontà nel pensare individuale.


La consapevolezza di tale immissione di volontà nel percepire ordinario sfugge all'uomo primitivo, il quale, credendo che la rappresentazione sia qualcosa di meccanico, di passivo, di automatico o di dato dalla natura, la scotomizza (la mette in ombra) assieme ad ogni contenuto percepibile per esaltare romanticamente lo spirito (spiritualismo assoluto) o l'idea (idealismo assoluto).


Questo fenomeno percettivo, già rilevato nell'antichità, e divenuto famoso nel 1915 grazie allo studioso danese Edgar Rubin, dimostra la variabilità percettiva in cui entra in gioco la soggettività dell'osservatore e, soprattutto, che non è il cervello il soggetto del percepire ma l'io umano.


L'oggetto di percezione, detto semplicemente "percezione" da Steiner, diventa dunque rappresentazione non in modo passivo o automatico o meccanico. Di fronte alle cose occorre sempre un cambio di prospettiva dell'attività interiore individuale, dato che la prospettiva esterna non cambia e la figura è quella che è, cioè gli stimoli che raggiungono gli occhi sono sempre gli stessi.


È l'io quindi che, muovendo il pensare, giudica tali stimoli una volta come “vaso”, l’altra come “due profili”, una volta come "donna giovane", l'altra come "donna vecchia, ecc.
Questa dinamica vede l'uomo come colui che porta incontro ai medesimi stimoli concetti diversi, che generano poi due diverse rappresentazioni le quali, proiettate all’esterno, si traducono in immagini percettive diverse.


Le ambiguità e/o gli inganni delle figure che prendono forma dall'"aggregato sconnesso di oggetti di sensazioni" ("Aggregat von Empfindungsobjekten", ibid., cap. 4°, §10) derivano dalla sfera del pensare e dei concetti, e non - come credono gli anacronisti oscurantisti della new age antroposofista - da quella della percezione.


Come l'autoinganno degli anacronisti oscurantisti bruciava vivo Giordano Bruno nel 1600 a Roma nel Campo dei Fiori, in nome dell'antico monismo, allo stesso modo l'autoinganno di anacronisti oscurantisti incendiava il primo Goetheanum di Steiner la notte del 31 dicembre 1922 (a Dornach venivo a sapere nel 1980-81 dal custode del nuovo Goetheanum che tali operatori del dolo erano gesuiti).


Oggi, terzo millennio, l'avversione a Rudolf Steiner è mascherata, ma persiste nelle fila di coloro che insegnano la Dottrina della scienza di Fichte come scienza dello spirito di Steiner...

Condividi post

Repost 0

commenti

Presentazione

  • : Blog di creativefreedom
  • Blog di creativefreedom
  • : Musicista, scrittore, studioso di ebraico e dell'opera omnia di Rudolf Steiner dal 1970 ca., in particolare de "La filosofia della Libertà" e "I punti essenziali della questione sociale" l'autore di questo blog si occupa prevalentemente della divulgazione dell'idea della triarticolazione sociale. http://digilander.libero.it/VNereo/
  • Contatti

Link