Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
30 maggio 2014 5 30 /05 /maggio /2014 17:50

L'antroposofia para-cool o "paraculo" (tanto per intenderci sull'"inglese") è quella dell'imbecille che segue le affermazioni di un altro imbecille o paraculo sedicente scienziato dello spirito, il quale, non riuscendo a concepire una rendita che non sia da lavoro, attribuisce questa sua chiusura mentale a Rudolf Steiner.

L'affermazione "Steiner non concepisce una rendita che non sia da lavoro" (l'immagine azzurra è presa da un forum di sedicenti antroposofi del Nordest, e già questo è indice di coglioneria, dato che l'antroposofia di Steiner non è caratterizzabile a seconda delle regioni italiote) non è una mia invenzione. È stata realmente detta da un sedicente antroposofo, il quale, d'altro canto, reputa grande economista John Maynard Keynes (1883-1946), cioè colui che nel 1936 era arrivato a scrivere idiozie come la seguente: "costruzioni di piramidi, terremoti, perfino guerre possono servire ad aumentare la ricchezza" (ho già parlato a sufficienza di questo cretino; cfr. finanzainchiaro.it). Quindi non c'è da stupirsi se ancora oggi c'è chi, leggendo una pagina di Steiner, si sente già un provetto scienziato dello spirito in diritto di dire che Steiner "non concepisce una rendita che non sia da lavoro".

A questi antroposofi del nordest che da anni fanno mostra di scandalizzarsi a proposito di rendite non provenienti da lavoro (mi sembra di sentirli nel loro materialismo: "Laùrum, laùrum, e chi laùra no, mangia no!") bisognerebbe far leggere almeno la pagina 200 de "I capisaldi dell'economia" (vedi sotto), là dove Steiner afferma che per avere un'economia sana "bisognerebbe dare ad ogni singolo individuo una quota". Che significa quota?

O uomini sudati nonché sedicenti nobilitati per il vostro lavoro, voi dite dire che Steiner, come voi, "non concepisce una rendita che non sia da lavoro". Ripeto: che significa allora per voi la parola "quota"?

Per Steiner esiste un rapporto necessario tra la rendita agraria e quanto egli indica come minimo vitale di un essere umano. E lo affermò con le parole seguenti:

"Esiste un rapporto necessario tra la rendita agraria e quanto ho indicato prima come minimo vitale di un essere umano. Oggi esistono alcuni riformatori e rivoluzionari sociali che sognano di eliminare in assoluto la rendita agraria, che credono di eliminarla nazionalizzando o collettivizzando, come dicono loro, i terreni. Qualcosa non viene però eliminato cambiandole forma. Il fatto che sia tutta una collettività a possedere il terreno o che siano diverse persone non elimina l’esistenza della rendita agraria. La maschera solo, le conferisce solo altre forme. La rendita agraria di cui ho detto esiste sempre. Se ora prendiamo la rendita agraria di un determinato territorio e la dividiamo tra il numero di abitanti del territorio in questione, ricaviamo un quoziente che fornisce l’unico possibile minimo vitale.

È una precisa legge, come ad esempio lo è la legge di Boyle-Mariotte per la fisica (vedi l'animazione sottostante), che non può essere diversa. 

È comunque un fatto primario, qualcosa di fondamentale, che in realtà nessuno, all’interno di un organismo sociale, guadagna di più dell’equivalente della rendita agraria globale suddivisa tra il numero degli abitanti: l’eventuale guadagno in più viene realizzato attraverso coalizioni e associazioni che instaurano rapporti che consentono a una persona di ricevere più di un’altra (*); ma in effetti nella proprietà mobiliare di una sola persona non può fluire nulla in più oltre a ciò che ho testé indicato. Tutta la vita economica, nella misura in cui si riferisce a quanto possiede il singolo in beni mobili, muove dal minimo che esiste davvero ovunque, anche se i rapporti reali lo coprono. [...] Tutto il resto viene prodotto da coalizioni et similia tra esseri umani. Contro un simile fatto possono intervenire le organizzazioni sociali e politiche e infrangerlo. Il problema è volgere tutto il pensiero organizzativo nella direzione verso cui tendono i fatti. Questo è il problema. Il soddisfacimento può esistere tra gli esseri umani solo tenendo conto di queste realtà. Se infatti si dirige il pensiero inteso a ordinare, a trasformare la realtà, nella direzione voluta dalla natura dell’organismo sociale, il resto va da sé e non può neppure succedere che uno si creda svantaggiato rispetto all’altro. È una legge che sta alla base della vera vita dell’organismo sociale. Su questi argomenti si può riflettere correttamente (ho portato l’esempio della relazione tra minimo vitale e rendita agraria), farsene concetti rispondenti alla realtà, solo a partire dalla triarticolazione considerata come elemento fondamentale. Solo sotto l’influsso della triarticolazione si possono prendere provvedimenti che sviluppino su un territorio la convivenza umana nel modo più produttivo. La vita si svilupperà infatti in maniera più produttiva solo seguendo le leggi sociali e non agendo contro di esse; si tratta cioè di vivere nel senso dell’organismo sociale. Va comunque detto che dall’osservazione esterna della vita non si acquisisce un’idea sui fondamenti della triarticolazione, proprio come non si capisce il teorema di Pitagora per quanti triangoli rettangoli si osservino. Una volta che però lo si sia capito lo si può applicare ad ogni triangolo rettangolo. Lo stesso succede per le leggi fondamentali. Una volta afferrate nel modo giusto e secondo realtà, sono applicabili ovunque (Rudolf Steiner, “La questione sociale: un problema di consapevolezza”, 2ª conf. di Dornach del 16/02/1919).


Dunque, o antroposofi para-cool, che dite che Steiner "non concepisce una rendita che non sia da lavoro", il vostro comportamento è da schiavi, che ragionano da schiavi e vogliono assolutamente rimanere schiavi...

 

____________________________________________________

 

(*) l'asterisco riguarda la p. 32 di “La questione sociale: un problema di consapevolezza”, op. cit., e rimanda alla 14ª conferenza de "I capisaldi dell'economia", pag. 200 e ss.

Condividi post

Repost 0

commenti

Bongo 03/29/2015 15:35

http://sabatoxuomo.altervista.org/sulla-manomissione-della-triarticolazione-di-r-steiner-pdf-.html

Federica Magà 01/16/2015 13:58

Ciao cari, ma perché tanta acrimonia? Dividiamo dai prepariamo facciamo su dei bei muri dai! Un abbraccio fraterno da una molecola. Federica Magà

Nereo 01/19/2015 10:33

Di quale acrimonia parli? Certamente sei una testa di cazzo che non si rende minimamente conto che è proprio in nome del "pro bono pacis" che si continua a procedere "antroposoficamente" nelle stronzate di Stato, e cioè costruendo quei mnuri del cazzo! Il vero muro è nella tua testaccia di minchia. Quindi fuori dai coglioni da questo sito (che non va bene per gli antilogici mascherati da antroposofi). Federica, sei vomitevole nella tua mancanza di... acrimonia...

lorenzo 06/24/2014 13:57

insomma Nereo, se il gruppo antroposofico di Arzachena apre un sito o blog o forum e lo chiama antroposofiarzachena si prende i tuoi strali"dato che l'antroposofia di Steiner non è caratterizzabile a seconda delle regioni italiote"?
"che Steiner non concepisce reddito che non sia da lavoro" lo ha affermato un conferenziere (estraneo al gruppo, precisazione che parrebbe superflua) come su antroponordest è stato correttamente riportato
- su testelibere ho cercato nero e villa e non ho trovato nulla (te l'ho indicato perchè mi sembrava ti facesse piacere ricevere segnalazioni sugli argomenti che ti interessano)
razionalità, serenità... e coscienza
ciao

Nereo 06/25/2014 10:40

Strali? Quali strali? A parte il fatto che un'antroposofia caratterizzabile a seconda delle regioni è e sempre sarà soggettivismo di un pensare che è il contrario della sua universalità, secondo la tua razionalità, serenità, e coscienza, se un gruppo spara cazzate bisognerebbe tacere perché è un gruppo sedicente antroposofico? Ma mi faccia il piacere, diceva Totò!
Se le cazzate sono dette da un conferenziere estraneo al gruppo e il gruppo tace rispetto ad esse è un gruppo di gattopardisti. O cos'altro?
Su testelibere vai su: http://testelibere.it/article/che-cosa-è-la-moneta -
Riguardo ad Alvi: fino a prova contraria (prova che aspetto da te, questo sì che mi farebbe piacere...) scrive cose che capisce solo lui e quel sedicente antroposofo suo galoppino...

lorenzo 06/14/2014 20:04

ciao Nereo, hai letto sul forum antroponordest la presentazione? c'è scritto "il Gruppo Antroposofico itinerante che si è formato nel NordEst tra dicembre 2010 e luglio 2011 ha deciso di munirsi di un proprio strumento autonomo, questo forum, per continuare le comunicazioni tra incontro e incontro."
- volevo poi segnalarti http://testelibere.it/article/che-cosa-è-la-moneta
un saluto e un augurio di serenità
lorenzo

Nereo 06/15/2014 09:51

E con questo cosa vorresti dire? Che è giusto affermare che Steiner non concepisce reddito che non sia da lavoro, o che è giusto che un gruppo di itineranti sedicenti antroposofi chiamino un blog "antroponordest" come se l'antroposofia sia caratterizzabile geograficamente?
In merito alle teste libere, quelli sono auritiani, quindi statalisti, altro che liberi. E poi perché me ne parli dopo che ho già confutato proprio lì la teoria di auriti?
Serenità anche a te (a proposito il tarocco 11 della lettera ebraica kaf parla di serenità che è razionalità).

Presentazione

  • : Blog di creativefreedom
  • Blog di creativefreedom
  • : Musicista, scrittore, studioso di ebraico e dell'opera omnia di Rudolf Steiner dal 1970 ca., in particolare de "La filosofia della Libertà" e "I punti essenziali della questione sociale" l'autore di questo blog si occupa prevalentemente della divulgazione dell'idea della triarticolazione sociale. http://digilander.libero.it/VNereo/
  • Contatti

Link