Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
29 luglio 2012 7 29 /07 /luglio /2012 10:50

Pubblicato dal quotidiano Ventonuovo 

2-10-05-Ettore-Nereo-Nino-Renzo.jpg

liberta 06-gen-2006Ripropongo, a gentile richiesta di Max the bastard, un "antico" trafiletto del quotidiano piacentino Libertà di sei anni fa (06/01/2006), al quale segue il video "Uscire dall'euro alla cazzo = cazzata"con affermazioni conclusive di Galloni (riprese da: "IL FUNZIONARIO OSCURO...". Anche se il mio ricordo del congresso NO EURO è alquanto sbiadito, di Galloni mi è rimasta l'impressione di uno che tira la pietra e nasconde la mano, dato che confutò ciò che dissi al congresso, e cioè che mentre Gesù aveva rovesciato i banchi dei cambiavalute (i banchieri di allora) noi invece leccaculiamo i banchieri... E oggi che sarebbe il tempo di NO EURO, Rabellino dove sei?

  

Gentile direttore,

risalgono a più di un anno fa le mie “previsioni” sui “guai” attuali di Antonio Fazio poggianti su truffa “nata e cresciuta grazie ad una giungla di ignoranza sistematica, censura accademica, disinformazione professionale, vuoti legislativi e cervelli sottovuoto” (Libertà 18/11/2004). Molti sono infatti i cervelli sottovuoto che anziché capire, hanno preferito, e preferiscono sempre rimuovere i fatti percepibili, dandomi del sognatore. Cosicché ho pensato bene di rispondere a costoro una volta per tutte su internet pur non disdegnando di essere un “sognatore”. Sono anzi molto felice dei miei “sogni”. Molti si chiedono perché parli sempre del “mio sogno” della moneta a tempo. Il fatto è che quando ero giovane, lavorando come musicista solo la sera, avevo molto tempo libero e, annoiato dal solito spinello, preferivo leggere. E leggendo molto, soprattutto le opere di Rudolf Steiner, mi appassionai anche e soprattutto dello studio dei misfatti del politicume del nostro bel Paese.

 

Recentemente mi è stato regalato un libro dell’economista Nino Galloni: “Misteri dell'euro misfatti della finanza" (Ed. Rubettino, Catanzaro, 2005) con la prefazione del dr. Affatati, allievo del Prof. di diritto Giacinto Auriti). Il libro spiega, in un linguaggio giuridico e sociologico, oltre che economico e matematico, la struttura, la funzione, e l'essenza stessa della moneta. L’autore, già funzionario di ruolo al ministero del bilancio e direttore generale al ministero del lavoro, fu collaboratore del famoso Federico Caffè (la vicenda di Caffè, economista e docente universitario scomparso nell’‘87 e mai più ritrovato è narrata nel film “L’ultima lezione”) - Galloni osserva come le attuali stangate a danno dei risparmiatori siano solo un sintomo iniziale di un’imminente bancarotta mondiale di proporzioni gigantesche: “crisi bancaria internazionale da insolvenze generalizzate dei debitori”; “il mondo è di fronte ad una crisi finanziaria, già in corso dal 2001, ed alla prospettiva ancora più grave di una crisi bancaria” inevitabile, in quanto “il valore dei titoli, obbligazionari, azionari, derivativi, supera di oltre 60 volte quello della produzione mondiale”.

 

Il libro conferma in definitiva tutto ciò che scrissi in questi ultimi anni sul quotidiano Libertà attraverso le lettere al direttore: gli studi del Prof. Auriti, che denunciano e dimostrano che il cosiddetto Stato di Diritto non esiste, onde l’esigenza dell’attuazione della moneta a scadenza di Rudolf Steiner (triarticolazione dei poteri dell’organismo sociale) (Libertà 27/11/2000); la percezione dell’equazione inversamente proporzionale per cui “in parallelo allo sviluppo tecnico e al conseguente continuo aumento della produttività globale, cresce di pari passo la povertà dei cittadini in quanto ultimi consumatori” (Libertà 22/08/2000); e da qui anche le ragioni della pubblicazione del mio breve saggio "Astrologia, numerologia e Triarticolazione sociale", Ed. “Ricerca ’90” (Libertà 3/1/2003); la lettera di Pazienza al ministro Castelli al quale chiedeva come mai in tutti questi anni non si è ancora fatta luce su Gianni Bazoli, che dovrebbe ancora conservare la valigetta di documenti di Calvi, e come mai i magistrati insistono nel volere recluso Pazienza senza un vero motivo (Libertà 27/7/2004); l’urgenza dell’esigenza sociale di dichiarare la moneta proprietà dei cittadini (Libertà 4/10/2004), la percezione del fatto che “il corrispettivo in oro di tutta la valuta che girava per il mondo nel 1995 ammontava ad un corrispettivo di ben 75 milioni di tonnellate, ma tutto l'oro del mondo non supera le 200 mila tonnellate!” (Libertà 31/8/05), e che il signoraggio sull’uso dei soldi è “iniquo in quanto dal 1971 (fine degli accordi di Bretton Woods) le “signorie” che li emettono non offrono più la garanzia “pagabile a vista al portatore” (Libertà 8/8/05). Il Galloni dimostra nel suo libro che la contestazione dell'euro - avviata in Germania, in Italia ed in altri Paesi, prima e durante l'estate del 2005, ha basi economiche valide: “i  grandi centri del potere finanziario sono disinteressati allo sviluppo economico perché - a differenza delle imprese e delle famiglie - possono guadagnare anche nelle crisi e sulle perdite (degli altri)!” Galloni auspica altresì il ritorno alle monete nazionali come “politica economica alternativa alla cosiddetta globalizzazione” osservando d’altronde che una difesa dell’euro sarebbe possibile - la moneta unica non è la causa dei mali ma la conseguenza delle politiche balorde fatte da una trentina d’anni ad oggi - solo nella misura in cui si ritorni alla sovranità monetaria, che il politicume mise nelle mani dei banchieri.  

 

 

Condividi post

Repost 0

commenti

Presentazione

  • : Blog di creativefreedom
  • Blog di creativefreedom
  • : Musicista, scrittore, studioso di ebraico e dell'opera omnia di Rudolf Steiner dal 1970 ca., in particolare de "La filosofia della Libertà" e "I punti essenziali della questione sociale" l'autore di questo blog si occupa prevalentemente della divulgazione dell'idea della triarticolazione sociale. http://digilander.libero.it/VNereo/
  • Contatti

Link