Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
2 giugno 2012 6 02 /06 /giugno /2012 16:27

Uryus - Era un pezzo che non andavo più in internet, poi ho ascoltato il video di questa dodicenne e subito sono andato nel tuo canale e vedo con piacere che non ti sei fatto abbindolare da questa incredibile bambina (che ha un'ottima memoria) che ci ha messo davanti questa schiacciante mezza verità su cui molti stanno già sbavando sopra.
Le banche in principio non erano tanto potenti da giocare con lo stato, inizialmente erano un semplice gruppo di persone che sapevano come fare e mantenere soldi ma non avevano alcun potere mentre il/i Governo/i (IL GATTO) erano uomini che si crogiolavano nel denaro e nel potere che la propria carica aveva sugli altri ceti, arricchendosi con accordi e piani a lungo termine convinto di potersela godere in barba a tutti fino a quando senza accorgersene quei "gruppi di banchieri" sono diventati grazie a loro così grandi (decisamente LA VOLPE) da aver acquisito un potere ancora più grande del loro...il ché in un certo senso è incredibilmente ironico XD
Mattoni a parte devo complimentarmi con te per i tuoi video e per le tue opinioni e concetti sempre spiegati in maniera ottimale e semplice. Mi auguro di vederti un giorno anche in TV, chissà, non si può mai sapere ;) (e non sarebbe nemmeno la prima volta), io bestia come molti altri continuerò a fiutare il pericolo e ad osservare il paesaggio in questa giungla di predatori "furbetti" e al momento giusto sono pronto a difendermi anche se spero di poter un giorno attaccare in branco, chissà XD. 

 

 

"Complice carnefice" è un brano dell'opera rock "La bella È la bestia" del gruppo "Syndone" formato da Nik Comoglio, Francesco Pinetti e Riccardo Ruggeri (AMS211CD). Il brano è qui preceduto dall'introduzione di un altro, intitolato "Rosa recisa", in cui si incentra tutto il contenuto simbolico dell'opera: il concetto di rosa, comportando aspetti estetici ed etici, bellezza e bestialità, petali e spine, evoca universalmente aspetti sociali-asociali della nostra cultura occidentale, tanto bella quanto bestiale.

 

Testo:

 

Quanto pesa la tua dignità?
Quanto ti sai giocare?
Quanto ti brucia il cuore?
Se non cedi la tua anima,
allora non è amore,
è un gioco che non vale
padre o complice
padre carnefice.

Senza pianto senza attendere
senza domande al vento,
senza timore alcuno
sola incontro ad un destino
che in qualche modo è scritto,
in questo mondo ha un senso
figlia o complice,
figlia di un debole.

Qual è il disegno
del tuo vivere
se il sacrificio
nasconde altri perché?
Ti sai tutti ti ammirano
tu sai che puoi giostrare
sì, della colpa il senso
è la tua arma
e molto bene sai,
le parole da sparare
per non farti capire
che del buoi c'è...

Se non cedi...
quanto ti sai giocare
quanto brucia il cuore
allora non è amore!
È un gioco che non vale!

Qual è il disegno
del tuo vivere
se il sacrificio
nasconde altri perché?

 

La micidiale guerra che alienati combatterono fuori di sé contro o pro Hitler, continua oggi nell’attuale “DITTATURA DEL PROLETARIATO”, la cui festa è quella del 2 giugno, detta della “Repubblica”, cioè della “res publica” o “cosa pubblica”, in pratica: festa della trasformazione della pecunia privata in quella pubblica, cioè di soldi che dalle tasche TUE passano in quelle dei GOVERNATORI REPUBBLICANI!


Il "governo" dei banchieri dell’UE-URSS, passo dopo passo, ha realizzato il suo  micidiale piano di controllo politico-economico-finanziario globale!


La macabra festa continua soprattutto dal 2 giugno di vent'anni fa, 1992, quando a bordo del royal yacht “Britannia”, incominciò di fatto la svendita del NOSTRO PAESE ITALIA, voluta fortemente dalla Goldman Sachs, la più potente banca ebraica del mondo.


A quel tempo, Prodi presiedeva la commissione europea (del crimine) e la direttiva fu firmata da un certo Bolkestein.


Pochissimi parlarono di questo losco membro del R.I.I.A. (“Royal Institute of International Affaire”), e membro della “Mont Pelerin Society”, organizzazione semisegreta svizzera, che già dal 1947 mirava alla “dittatura economica” (fonte: “Executive Intelligence Review”).


D’altronde sarebbe bastato leggere il documento del Trattato di Maastricht per rendersi conto di tale dittatura... Bolkestein non era certo un politico qualsiasi... Come il Super Mario Monti attuale, costui apparteneva ai più potenti e influenti gruppi elitari dell’Europa di allora.


E tutto ciò era finalizzato a fare di TUTTI gli abitanti dell’UE dei meri sudditi, cioè dei veri e propri SCHIAVI, come è realmente accaduto, grazie al disfacimento di ogni forza di opposizione... e di ogni sano pensare...

Condividi post

Repost 0

commenti

Massimo Francese 06/02/2012 19:51

Video, testi e musica molto belli, toccanti il cuore e la coscienza. Quanto inutile e spaventoso dolore ancora dovremo vedere? Riusciranno gli uomini come Voi a scompigliare le fila del gregge, a
fare breccia negli steccati eretti da secoli per tenere compatto il bestiame, armati di musica, parole e immagini? Senza pretendere eclatanti risultati ma sapendo che dei frutti di questo impegno
godranno le generazioni future, si, credo valga la pena insistere, nonostante tutto.

Massimo Francese 06/02/2012 18:50

Aspetto il video. Per tutto il resto sono d' accordo anche perchè, per quanto diversi siano i nostri percorsi, certe oasi del pensiero sono in comune. In attesa di ripartire.

Presentazione

  • : Blog di creativefreedom
  • Blog di creativefreedom
  • : Musicista, scrittore, studioso di ebraico e dell'opera omnia di Rudolf Steiner dal 1970 ca., in particolare de "La filosofia della Libertà" e "I punti essenziali della questione sociale" l'autore di questo blog si occupa prevalentemente della divulgazione dell'idea della triarticolazione sociale. http://digilander.libero.it/VNereo/
  • Contatti

Link