Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
8 marzo 2012 4 08 /03 /marzo /2012 11:30

cervello-trino.jpg[da R. Steiner, "Relazioni fra scuole, Stato, e soldi”, 5ª conf. di Zurigo del 29/10/1919; Titolo originale: "L’interazione fra vita culturale, giuridica ed economica nell’organismo sociale " - A cura di Nereo Villa]

 

Cari ascoltatori!

Nella seconda conferenza ho già detto che un’organizzazione della vita culturale, giuridica ed economica come quella che ho cercato di descrivere nelle tre conferenze precedenti sia realizzabile solo se quello che finora è stato concepito come uno stato rigorosamente unitario verrà triarticolato, se si trasformerà in un organismo sociale triarticolato.

 

Ciò significa che tutto quello che si riferisce a rapporti giuridici, politici o statali [ovvero, tutto quanto si riferisce allo "Stato-come-dovrebbe-essere" - nota del curatore] dovrà essere amministrato in un

parlamento democratico, mentre tutto quello che concerne la vita culturale sarà separato da questa organizzazione politica o giuridica, così che questa vita culturale venga amministrata autonomamente; e dall’altro lato anche la vita economica dovrà staccarsi da quella politica per venir amministrata in base alle proprie condizioni di vita, sulla base della competenza e della specializzazione.

 

A questo punto mi si obietta sempre che una simile articolazione dell’organismo sociale contraddice alla necessità di dare una forma unitaria alla vita sociale, dato che ogni singola istituzione, ogni singola cosa che l’uomo può realizzare all’interno dell’organismo sociale deve tendere a formare un’unità. E si dice che una tale unità verrebbe spezzata se si cercasse di dividere l’organismo sociale in tre parti.

 

Cari ascoltatori, una simile obiezione è del tutto comprensibile se si tiene conto delle abitudini mentali del presente, ma, come vedremo oggi, non è affatto giustificata.

 

Viene sollevata spontaneamente perché basta guardare la vita economica stessa per vedere come in essa confluisca fin nei minimi dettagli a formare un’unità tutto ciò che è culturale, giuridico ed economico. Già rispetto a questo ci si può chiedere: com’è possibile che una separazione, un’articolazione porti a qualcosa di positivo?

 

Prendiamo in considerazione il VALORE DI UNA MERCE [il maiuscolo è mio - ndc], e vedremo che il valore dei beni, delle merci, mostra già di per sé una triplicità, ma che però nel momento in cui il bene viene prodotto, messo in circolazione e consumato, si manifesta nell’organismo sociale come unità, legata all’unità della merce nel modo seguente.

 

Da che cosa è determinato il valore di una merce tramite la quale l’uomo può soddisfare i propri bisogni? In primo luogo l’uomo deve avere a livello soggettivo un qualche bisogno di questo bene. Ma, cari ascoltatori, vediamo da che cosa viene determinato un tale bisogno. Ovviamente dipenderà in prima linea dal carattere fisico dell’uomo, che determina il valore dei vari beni materiali.

 

Ma gli stessi beni materiali vengono valorizzati diversamente a seconda del tipo di educazione ricevuta o dalle esigenze che ognuno ha. E anche quando si tratta di beni intellettuali, che spesso non possono essere separati dalla sfera di quelli fisici, vediamo che l’indole dell’uomo condiziona nel suo insieme il suo modo di valutare un bene qualsiasi, determina quale lavoro è disposto a compiere per un certo bene, quanto è disposto a pagare in termini di proprie prestazioni per un tale bene. Vediamo che ANCHE L’ELEMENTO CULTURALE CHE VIVE NELL’UOMO È DETERMINANTE PER IL VALORE CHE EGLI DA’ A UN BENE O AD UNA MERCE.

 

Dall’altra parte vediamo che, quando vengono scambiate fra due uomini, le merci sono vincolate da rapporti di proprietà, vale a dire da fattori giuridici. QUANDO UN UOMO VUOLE ACQUISTARE UN BENE DA UN ALTRO SI IMBATTE NEI DIRITTI CHE L’ALTRO FA VALERE IN QUALCHE MODO SU QUEL BENE, COSÌ CHE LA VITA ECONOMICA, LE TRANSAZIONI ECONOMICHE SONO COMPLETAMENTE PERVASE DA RAPPORTI GIURIDICI.

 

E in terzo luogo una merce ha anche un valore oggettivo, non solo quello che gli attribuiamo noi per via dei nostri bisogni e della loro valutazione soggettiva che viene poi trasmessa al bene. UN BENE HA ANCHE UN VALORE OGGETTIVO NELLA MISURA IN CUI È QUALCOSA CHE SI PUÒ CONSERVARE A LUNGO O MENO, CHE È DUREVOLE O MENO, A SECONDA CHE LA SUA NATURA LO RENDA PIÙ O MENO UTILIZZABILE, A SECONDA CHE SIA PIÙ O MENO DIFFUSO O RARO. Tutto ciò comporta un valore

economico oggettivo, per la cui determinazione è necessaria una competenza oggettiva e per la cui produzione occorre un’oggettiva specializzazione.

 

Ma queste tre estimazioni di valore costituiscono un’unità nella merce stessa. Si può quindi chiedere a ragione: come è possibile separare quello che si unifica nel bene in tre settori amministrativi diversi che si riferiscono allo stesso bene, che devono avere qualcosa a che fare con il suo circolare?

 

Cari ascoltatori, prima di tutto riguardo al concetto in quanto tale si tratta di vedere che nella vita possono fondersi delle cose che vengono amministrate dalle istanze più disparate. PERCHÉ, da una parte, LA VALUTAZIONE SOGGETTIVA CHE L’UOMO DA’ AI BENI NON DOVREBBE ESSERE DETERMINATA DALLA SUA EDUCAZIONE, CHE GODE DI UNA PROPRIA AMMINISTRAZIONE AUTONOMA? E PER QUALE MOTIVO I RAPPORTI GIURIDICI NON DOVREBBERO ESSERE INTRODOTTI DA TUTT’ALTRA PARTE NELLA VITA ECONOMICA? E PERCHÉ A TUTTO CIÒ NON DOVREBBE AGGIUNGERSI IL FATTO CHE NELL’OGGETTO SI FONDONO A FORMARE UN’UNITÀ ANCHE LA COMPETENZA E LA SPECIALIZZAZIONE CHE DETERMINANO IL VALORE OGGETTIVO DI QUEL BENE?

 

Questo però vale solo in linea ideale, non ha un valore particolare. Occorre perciò motivare più a fondo ciò che si propone la triarticolazione dell’organismo sociale.

Condividi post

Repost 0

commenti

Presentazione

  • : Blog di creativefreedom
  • Blog di creativefreedom
  • : Musicista, scrittore, studioso di ebraico e dell'opera omnia di Rudolf Steiner dal 1970 ca., in particolare de "La filosofia della Libertà" e "I punti essenziali della questione sociale" l'autore di questo blog si occupa prevalentemente della divulgazione dell'idea della triarticolazione sociale. http://digilander.libero.it/VNereo/
  • Contatti

Link