Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
5 aprile 2012 4 05 /04 /aprile /2012 17:09

Invitato anche stasera a LA7 nella trasmissione "Piazza pulita", Leonardo Facco ha il difficile compito di non lasciarsi usare...

Infatti, non appena i leghisti in questi giorni hanno incominciato a raccogliere firme contro le nuove tasse, il regime si è subito messo ad ad indagarli, assolutamente certo di trovare il marcio, dato che il regime stesso è tutto marcio.

Per me questa è la solita manovra di palazzo, che trova subito allineata LA7 di stasera.

Stiamo a vedere.

Condividi post

Repost 0

commenti

Massimo Francese 04/06/2012 14:09

A proposito di Fichte, ieri sera ho ripreso la lettura del testo di Steiner "Teosofia".Nell' introduzione Johann Gottlieb Fichte è citato così: "Questa dottrina presuppone un senso interiore del
tutto nuovo mediante il quale si apre un nuovo mondo che per l' uomo ordinario non esiste".
Massimo

nereovilla 04/06/2012 14:29



È certamente così. Lo si può dire anche di Hegel. Oramai i libri di costoro sono come dei veri testi iniziatici, non solo perché sono astratti, cioè massimamente spirituali, ma anche perché
proprio per il materialismo imperante non possono più essere trasmessi e quindi si arriva senza volere alle iniziazioni che non dovevano essere rivelate agli indegni. 



Massimo Francese 04/06/2012 14:01

Alcuni anni fa mi svegliavo per lavoro alle 3,30. Ciò mi permise di vedere, una notte, una pioggia di stelle cadenti incredibile. Era l' Inverno del 1999/2000. Era bello svegliarsi prestissimo.
Grazie
Massimo

Massimo Francese 04/06/2012 13:57

Grazie della risposta Nereo. Il fatto che Facco suonasse la batteria depone a suo favore. Quando suonavo la chitarra il batterista era sempre la persona più affidabile, doveva avere quattro arti
indipendenti, si drogava meno ed era di solito più umano e paziente.
Rifletterò.
Massimo

nereovilla 04/06/2012 14:21



Yes I do!



Massimo Francese 04/06/2012 10:30

Caro Nereo,
ieri sera è andata meglio, sono riuscito a guardare Piazza Pulita fin quasi alla fine. A freddo mi sono rimasti impressi, in positivo, l' imprenditore Martinetti, l' albergatrice di Varese e la
gente in piazza in provincia di Rovigo per cui ho provato un senso di tenerezza. Facco, che mi ha dato l' impressione di parlare pro domo sua, è la seconda volta che lo ascolto ma l' impressione è
negativa. Tu probabilmente lo conosci meglio e ti prego di correggere questa mia impressione, se c'è materia.
Comunque ciò che è più evidente è come un certo sistema si attivi compatto: magistratura, giornali e Tv in primis.
Sembra un meccanismo, ormai ben oliato, che rimuove gli ostacoli che potrebbero intralciare i piani di poteri che agiscono dall' interno e al di sopra la politica.
Riguardo Bossi e la Lega continuo a pensare che chi entra in un letamaio non ne esce profumato. Tornare a essere un movimento che entra solo nei consigli comunali che da lì agisce, coordinando
ribellioni fiscali, culturali e giuridiche, non sarebbe meglio?
La materia è complessa, da dove si comincia?
Massimo

nereovilla 04/06/2012 12:58



Ieri sera alle nove mi sono addormentato e mi ha risvegliato la voce di Facco. Qualcosa ho sentito ma poi sono crollato di nuovo. Io mi sveglio molto presto (verso le 3 o le 4) e quindi la sera
crollo. Facco è un bravo ragazzo. È vero, se uno non lo conosce di persona, può dare l'impressione di una persona nervosa o innervosita. In realtà lui è un idealista assoluto, un po' come Fichte,
che voleva costruire tutto un mondo di bene su una sua idea. Ma siamo sempre lì: il bene, Dio stesso, la società funzionante, ecc., tutto ciò non può identificarsi in un'idea, ma nel rapporto fra
idee. Facco si basa sulla sola scuola austriaca di economia, e secondo me è sempre innervosito dal fatto che sa inconsciamente che una società che funzioni non può dipendere dalla sola economia,
così come un organismo umano non può stare molto bene se gli funziona solo il cervello. Inoltre l'economia e i nervi portano alla nervosità, soprattutto se imposti da un sistema giuridico che
anziché basarsi sul cuore, cioè sul sentire da uomo a uomo, si basa sull'imposizione di tasse, ecc. Per cui è innervosito anche dal sistema che, come giustamente osservi, si attiva compatto come
leccaculismo dovuto a paura. Il tipo di ragionamento che sottostà a questo leccaculismo è comunque l'insicurezza, la paura del domani. Se ci pensi, una persona che sia interiormente sicura non ha
bisogno di mettersi al sicuro! Invece l'anelito assicurativo dei politici e dei loro leccaculi aumenta sempre più. È un sintomo simile a quello del raccomandarsi l’anima a Dio osservando i
comandamenti: infatti, mentre la "Patria" (papà Stato) ci "assicura" fino alla morte, la "Madre" Chiesa ci "assicura" perfino dopo. In tal modo il "bravo cittadino che paga le tasse" può dire: io
sono assicurato in vita e in morte, non mi manca nulla e allora mi siedo e mi godo la vita sicura! Questo Leonardo lo disprezza (perché secondo me doveva continuare a suonare la batteria, oltre
che interessarsi alla scuola austriaca). Per lui è infatti stupido essere così passivi e senza dinamismo, perché qui manca la gioia della creatività. Questa è in fondo la profonda paura dell’uomo
di oggi, la sua totale sfiducia nei confronti dell’esistenza. E ciò lo dobbiamo anche al kantismo...



Massimo Francese 04/05/2012 18:11

L' attacco è evidentissimo. Ovunque mettessero le mani sarebbe la stessa storia. Tutto volgarmente strumentale.
Massimo

nereovilla 04/05/2012 18:42



Ciao. A presto.



Presentazione

  • : Blog di creativefreedom
  • Blog di creativefreedom
  • : Musicista, scrittore, studioso di ebraico e dell'opera omnia di Rudolf Steiner dal 1970 ca., in particolare de "La filosofia della Libertà" e "I punti essenziali della questione sociale" l'autore di questo blog si occupa prevalentemente della divulgazione dell'idea della triarticolazione sociale. http://digilander.libero.it/VNereo/
  • Contatti

Link