Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
5 gennaio 2012 4 05 /01 /gennaio /2012 14:08

Finanza-Mondiale-ovvero-beni-in-cambio-di-carta-colorata.jpg[continuum da R. Steiner, "La questione sociale come fatto di cultura, di diritto e di economia", 1ª conf. di Zurigo del 24/10/1919 - A cura di Nereo Villa].

[…] È QUESTO [il maiuscolo è mio - nota del curatore], cari ascoltatori, IL TERZO ELEMENTO DELLA QUESTIONE SOCIALE CHE STA ALLA BASE DELLE MODERNE CONDIZIONI SOCIALI. È qui che si impara a riconoscere la questione sociale come questione economica - per risalire a CIÒ CHE DOCUMENTA IL VALORE EFFETTIVO DEI BENI RISPETTO A QUANTO SI MANIFESTA NELLA PURA E SEMPLICE SITUAZIONE DEI PREZZI. I rapporti dei prezzi possono, specialmente nei periodi di crisi, esser mantenuti stabili soltanto se lo Stato, cioè l'ambito giuridico, si assume la garanzia del valore del denaro, vale a dire del valore di una singola merce.  

Ma a questo si aggiunge qualcosa di nuovo. Come già detto, non c'è bisogno di considerazioni teoriche su ciò che è emerso per via della discrepanza fra prezzo e valore, ma basta far notare dei fatti concreti emersi negli ultimi

tempi. Se ne parla nell'economia politica, si dice che nei tempi antichi, addirittura fino alla fine del medioevo, in Germania c'era l'antica economia naturale che si basa sul semplice scambio dei beni, e che al suo posto è subentrata l'economia monetaria, in cui il denaro rappresenta i beni, e che in effetti il bene di valore viene sempre scambiato contro del denaro.  

Ma nella vita sociale vediamo già oggi entrare qualcosa che sembra destinato a sostituire l'economia monetaria. Questo qualcosa è già all'opera dappertutto, solo che non viene ancora notato. Ma chi va al di là della comprensione astratta dei propri libri di cassa o dei conti, chi va oltre le semplici cifre ed è in grado di leggere quel che si esprime nei numeri, troverà che NEI NUMERI DI UN LIBRO DI CASSA O DEI CONTI DEI GIORNI NOSTRI NON CI SONO SOLO DEI BENI, MA che in tali cifre si manifestano quelli che possiamo definire RAPPORTI DI CREDITO nel senso più moderno del termine.

Quello che in modo sorprendente penetra sempre più nella nostra vita economica arida e piatta è ciò che UN UOMO SA PRODURRE SOLO IN BASE AL FATTO CHE SI HA FIDUCIA IN LUI, fiducia che sia capace di questo o di quello. È ciò che ispira fiducia a partire dalle capacità di un uomo.  

Se studiate i libri contabili del giorno d'oggi, vedrete che rispetto al puro e semplice valore monetario sta facendosi strada la fiducia negli uomini, nella bravura umana. Nei numeri dei libri contabili odierni, se li si legge correttamente, si esprime un rivolgimento epocale, una possente metamorfosi del sociale. MENTRE si sottolinea che L'ANTICA ECONOMIA NATURALE SI È TRASFORMATA IN ECONOMIA MONETARIA, oggi bisogna non meno sottolineare che IL CONTRALTARE DI QUESTO FENOMENO È LA TRASFORMAZIONE DELL'ATTUALE ECONOMIA MONETARIA IN “ECONOMIA CREDITIZIA”, cioè di fiducia nei talenti dell'uomo (“CREDITO” VIENE DA CREDERE, CHE SIGNIFICA AVERE E DAR FIDUCIA).   

E così qualcosa di nuovo prende il posto di ciò che è invalso per lungo tempo. Così fa il proprio ingresso nella vita sociale ciò che evidenzia il valore dell'uomo stesso. La vita economica in quanto tale subisce nella produzione di valori una trasformazione. Si trova di fronte ad una nuova questione, alla questione economica che è il terzo elemento di questa questione sociale.  

Nel corso di queste conferenze dovremo fare la conoscenza di questa questione sociale 1) come questione culturale, 2) come questione giuridica, statale o politica e 3) come questione economica.  

Lo spirito dovrà rispondere alla domanda: come si fa a coltivare le capacità degli uomini, di modo che possa sorgere una struttura sociale priva degli irresponsabili danni odierni?  

La seconda domanda è: quale sistema giuridico riporterà gli uomini alla pace nelle condizioni economiche invalse nella società moderna?  

La terza è: quale struttura sociale saprà collocare l'uomo al posto in cui possa lavorare per il bene della comunità umana in base al proprio essere, alle proprie capacità e ai propri talenti? E a ciò vale la domanda: che credito va concesso al valore personale di un uomo? Ecco allora che davanti a noi vediamo la trasformazione dell'economia a partire da nuove condizioni.

Una questione culturale, giuridica ed economica ci sta di fronte nella questione sociale. E vedremo che ogni minima articolazione della questione sociale può essere vista nella giusta luce solo considerandola in maniera differenziata: come una questione culturale, come una questione giuridica e come una questione economica. Ma di questo, cari ascoltatori, continueremo a parlare domani.

Condividi post

Repost 0

commenti

Presentazione

  • : Blog di creativefreedom
  • Blog di creativefreedom
  • : Musicista, scrittore, studioso di ebraico e dell'opera omnia di Rudolf Steiner dal 1970 ca., in particolare de "La filosofia della Libertà" e "I punti essenziali della questione sociale" l'autore di questo blog si occupa prevalentemente della divulgazione dell'idea della triarticolazione sociale. http://digilander.libero.it/VNereo/
  • Contatti

Link