Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
26 maggio 2012 6 26 /05 /maggio /2012 12:52

Nelle seguenti parole di Archiati nel suo libro "Economia e Vita" si evince una predicazione di una sua mistica del dono che non c'entra niente col denaro di donazione inteso da Steiner, quindi secondo me Archiati fa più confusione che altro.

 

Anche nelle conferenze che tiene continua a sostenere che non bisogna arricchirsi e che i ricchi non sono felici.  Palle!

 

Anche se io non ho mai desiderato arricchirmi ed anche se ho sempre lavorato divertendomi nel senso di amare ciò faccio, credo che l'essere umano debba essere libero anche di arricchirsi come vuole.

 

Tutta questa sua teoria che il ricco non è felice non è altro che il solito predicozzo da preti. E poi è una generalizzazione astratta che non ha alcun riscontro nella realtà. Ci sono, è vero, dei ricchi infelici, ma non tutti i ricchi sono infelici. Allo stesso modo ci sono dei poveri felici e dei poveri infelici.

 

Nel modo di procedere di Archiati si va verso la predicazione delle meraviglie della povertà di tipo francescano. Ma la scienza dello spirito poggia su logica di realtà, non su logiche pietistico-mariane del "volemose bene".

 

Ecco alcuni pensieri di Archiati amplificati poi nei suoi predicozzi (per me è roba da matti):

 

"Vorrei fare alcune osservazioni su ciò che chiamerei «l’ossessione assicurativa » dell’uomo d’oggi, cioè sulla mentalità di assicurazione e del cosiddetto «risparmio» (Pietro Archiati, "Economia e vita. Solidali sulla via della libertà", Ed. Archiati, pag. 56). "[...] per superare l’egoismo insito nell’accumulare denaro. E che cosa si può fare perché a un numero sempre maggiore di esseri umani passi la voglia dell’accumulo di denaro grazie al sorgere di una voglia migliore? Si tratta di provocare un’inversione di marcia nell’attuale dinamismo economico, un’inversione di portata tale da ingenerare in noi tutti una vera repulsa nei confronti dell’ammassare denaro" (ibid., pag. 219). "Sarà necessario adottare questo sistema di pura «amicizia economica» per aiutare ciascuno di noi a vincere il meccanismo della paura e del conseguente accumulo di denaro, e invogliare tutti a far circolare il più possibile e a livello capillare il denaro, anziché a trattenerlo" (ibid., pag. 221).

 

Ed ecco invece il contrario scritto da Steiner in "I punti essenziali...":

 

001-I-punti-essenziali-171.jpg

 

Condividi post

Repost 0

commenti

Francesco Pinetti 05/30/2012 10:03

Credo che stiamo dicendo la stessa cosa... e condivido la tua opinione su Archiati, nel senso che esagera pretescamente. Io penso che accumulare soldi per USARLI sia sacrosanto. Archiati vuole fare
i conti in tasca e qui esagera. Apprezzo però che sia provocatorio nella direzione dell'USARE i soldi al servizio dei talenti. L'abbondanza della natura credo ci dica che non siamo qui per fare i
frati francescani forzatamente... anzi. Il gioire della Terra e dei talenti vorrei che fosse possibile a ciascuno. CIAO NEGUS!

nereovilla 05/30/2012 10:14



Gu! (Gu è il mio nuovo nome d'arte. Per me è la particella della "lin-GU-a" italiana più bella del mondo linguistico, perché mi fa ridere). Ciao. Comunque concordo, anche se
(DIGIAMOCELO! direbbe La Russa) Archiati è un po' pirla. :D :D :D Credo che lui voglia "guadagnare" di più dalle sue conferenze "gratuite" ad offerta! :D :D :D



Francesco Pinetti 05/29/2012 01:30

Avrei una domanda sulla questione dell'accumulo: Archiati fa spesso il riferimento al denaro/sangue dell'organismo sociale. Se si accumula in sacche (le borse ma non solo) e non circola è un grave
danno per tutti, compresi quelli che al momento se la godono (felici ricchi ok, ma inconsapevoli che stanno derubando chi non ha un soldo). Non è questo semplice concetto che sta alla base delle
affermazioni di Archiati? A me pareva di sì... anche perchè non so se RS ripeterebbe la frase che hai citato nello stesso modo oggi come oggi. Non credi? Oppure colui che "trattiene" per sè
liberamente (egoisticamente io direi) è da lasciare agire senza limiti? Per me no, il limite ci vuole eccome, oggi come oggi. Grazie per la risp. e ...a presto! CIAOOOOO

nereovilla 05/29/2012 12:22



Credo sia abbastanza assurdo sospettare della veggenza di Steiner riguardo all'oggi, in nome della cecità o del cattocomunismo, o del moralismo vivente in Archiati. Un conto è l'eliminazione del
gioco in borsa (questo l'ho affermato più volte, e molti altri, per esempio l'economista Loretta Napoleoni (ora mi viene in mente solo lei), giustamente, lo sostengono. Un altra cosa è agire
contro il risparmio o l'accumulo del singolo. Questa è una stronzata bella e buona. Come puoi comprarti un amplificatore se prima non risparmi per avere i soldi necessari? Io non ho nessun
diritto di limitare chichessia nel "trattenere" per sé denaro per un motivo o per l'altro. Non c'è alcun egoismo in un padre che vuole lasciare una casa a suo figlio! Ma ti rendi conto della
stronzata che dice Archiati quando afferma che se a fine mese uno ha 500 euro in più, li dovrebbe donare? E a chi? Ad Archiati per dire quelle imbecillità? Ma per carità. C'è da vergognarsi a
sostenere simili idiozie. 



Massimo Francese 05/28/2012 09:35

Buongiorno Francesco,
ho letto molto di Steiner e cercato di capirlo ma non sono Lui, uomo di grande pazienza tra le altre cose.
Purtroppo in questo momento più che scrivere elimino schegge di rabbia, ma anche questa ha la sua funzione, purchè non ci si sguazzi in eterno.

nereovilla 05/28/2012 10:03



Aggiungo per Francesco la seguente domanda: come si fa a fare un dibattito con uno che se gli mandi una mail ti fa rispondere in inglese da una segreteria che lui non ha tempo di rispondere
perché ha una missione più alta? Gesù detto il Cristo aveva forse segretarie che lo proteggevano dalle domande del prossimo? Ma lasa lé! Traduzione dall'arquatese: "Ma lasciamo perdere!". Anche
Archiati non è umano... È come Monti... Sono tutti degli umanoidi... :D :D :D Il mio sospetto da essere marcio quale sono è che in realtà Archiati non sa rispondere alle domande, e quindi come
tutti è un irresponsabile (come Monti che parla in inglese "spending review", "spread", ecc., perché non sa come uscire dal casino combinato dalle banche emittenti che rappresenta). E noi, da
irresponsabili, diamo in mano la risoluzione del casino a colui che l'ha combinato, e la comprensione antroposofica della risoluzione ad uno che confonde la razionalità con la moralità. Si
legga davvero Steiner allora!



Francesco Pinetti 05/27/2012 20:00

:-) che bello sarebbe un dibattito tra studiosi di Steiner di questa pasta!

nereovilla 05/28/2012 08:50



Ciao Pinuz. Stanotte, pensando a te che hai sentito Archiati a Roma, ho scritto ancora sulla questione e fra un po' pubblico. Stanotte ho anche utilizzato il tuo brano n. 2 per il prossimo
video ma ora non ti dico nulla. Dev'essere una sorpresa. 


 



Massimo Francese 05/26/2012 19:48

Sapete cosa ha di bello il denaro? Che ti permette di evitare di frequentare controvoglia quella parte di umanità composta di teste di cazzo. Una delle più belle invenzioni di questi tempi è l'
adozione a distanza.

nereovilla 05/27/2012 09:42



Ahahahahaha aha aha aha aha aha! :D :D :D però per gestirlo poi bisogna in un modo o nell'altro avere sempre a che fare con i cazzoni ardenti! Ahahahahaha aha aha! Serio: oggi se faccio in tempo
mostro come Steiner dice a quelli come Archiati di lasciare perdere i giudizi moralistici sul profitto, anche se sono finalizzati alla sua separazione dal lavoro.



Presentazione

  • : Blog di creativefreedom
  • Blog di creativefreedom
  • : Musicista, scrittore, studioso di ebraico e dell'opera omnia di Rudolf Steiner dal 1970 ca., in particolare de "La filosofia della Libertà" e "I punti essenziali della questione sociale" l'autore di questo blog si occupa prevalentemente della divulgazione dell'idea della triarticolazione sociale. http://digilander.libero.it/VNereo/
  • Contatti

Link