Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
14 novembre 2011 1 14 /11 /novembre /2011 12:49

Nel vangelo di domenica prossima (20 novembre 2011) si parla dell'inferno eterno (Matteo 25,31-46), quindi di un dio bastardo fino a prova contraria. La prova contraria spetta ad ogni individuo. La mia è nella seguente comprensione. Si dice "Quando il Figlio dell'uomo verrà"! "Figlio dell'uomo" era un termine tecnico per indicare l'io! "[...] nella sua gloria con tutti i suoi angeli". Anticamente l'angeologia era l'astrologia: la sfera della Luna era quella degli angeli, quella di Mercurio degli arcangeli, il Sole delle Potestà, ecc., fino al cielo cristallino delle stelle fisse o dei Cherubini, Serafini, ecc. "[...] si siederà sul trono della sua gloria. E saranno riunite davanti a lui tutte le genti, ed egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dai capri, e porrà le pecore alla sua destra e i capri alla sinistra". Pecore e capri non sono che pulsioni dell'io, quelle stesse pulsioni che Freud chiamerà complessi colorando tutto quanto di libido. L'inventore della psicanalisi infatti da chi è mai stato psicanalizzato? Quindi, proiettando i suoi problemi sessuali e di dipendenza alla cocaina sui suoi simili, ha generato a modo suo una dipendenza delle coscienze, esattamente come quella di certi pretoni che fanno mostra di credere ancora all'inferno eterno che forsennatamente predicano. Ma può un Dio "misericordioso" dare ai suoi figli un'unica possibilità di raggiungere il suo regno? Come conciliare la sua "misericordia infinita" con l'"inferno eterno"? Davvero Dio ci costringe a giocarci tutto in questa vita? Un padre affettuoso non lo farebbe. Perché dovrebbe farlo Dio? 

In verità, se tu continui a rifiutare di essere un io, cioè un'individualità, cosa fai? Continui a passare da un gruppo di catecumeni a un altro, da un partito all'altro, cercando fuori di te il regno di Dio, che è il regno dell'io in te. Così se muori in queste condizioni, è chiaro che poi rinasci con lo stesso problema da risolvere, o pirla! L'inferno eterno è il tuo essere eternamente pirla o addormentato. Perciò svegliati, o caprone di un pecorone figlio di capra complessata! Ahahahaha aha!

Anche la storia evangelica del cieco nato conferma la comprensione di cui sopra (vedi il video "Non c'è un dio più bastardo" (http://vimeo.com/32074557). Ciao bestie! 

Condividi post

Repost 0
creativefreedom
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Blog di creativefreedom
  • Blog di creativefreedom
  • : Musicista, scrittore, studioso di ebraico e dell'opera omnia di Rudolf Steiner dal 1970 ca., in particolare de "La filosofia della Libertà" e "I punti essenziali della questione sociale" l'autore di questo blog si occupa prevalentemente della divulgazione dell'idea della triarticolazione sociale. http://digilander.libero.it/VNereo/
  • Contatti

Link