Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
20 novembre 2011 7 20 /11 /novembre /2011 11:54

Il Reddito di Base (RdB) non è il Reddito di Cittadinanza (RdC).

 

Da tempi mitologici sappiamo ed accettiamo come cosa buona e giusta che la fondazione della civiltà del diritto, cioè del civis romanus e del jus, avvenne col fratricidio (Romolo e Remo) e con la rapina (ratto delle sabine). Se ancora oggi non capiamo ancora questa anticristianità della “civiltà” e del “diritto” è inutile qualsiasi “dialogo” e qualsiasi politica: sarebbe come battersi per sostenere giuridicamente che il diritto non sia storto. Occorre dunque cambiare l'impostazione stessa del diritto. E questo è compito di ognuno, un compito che deve essere risolto dalla base, dunque da noi piccoli, e non dalle altezze veterotestamentarie dei Monti o dei Tremonti in via di tramonto...

 

Durante la prima guerra mondiale Rudolf Steiner fu esplicito su questo punto: "il diritto romano è una realtà anticristiana" (Rudolf Steiner, conferenza di Berlino del 14 aprile 1917).

 

Ma questo argomento fu da lui affrontato più volte:

"ciò che oggi chiamiamo il diritto è certamente esistito, in qualche forma anche prima della civiltà romana; però nella forma in cui lo conosciamo oggi, il diritto può considerarsi in certo modo un'invenzione dei romani. Quel "giure" che si presta particolarmente bene a distinguere ogni cosa in articoli di legge, a inscatolare concetti l'uno dentro l'altro, è un'invenzione dei romani. E perché i romani non avrebbero dovuto dire al mondo che cos'è il diritto, e in che modo si agisce secondo diritto? È chiaro [...]: basta riflettere agli inizi della loro storia, quali essi stessi ce la tramandano: a Romolo che uccise il fratello, per poi raccogliere tutti i prepotenti dei dintorni e fare di loro i primi cittadini di Roma; basta ricordare che essi  riconducono al ratto delle Sabine l'origine, la possibilità di esistere come popolo! Con l'aiuto della potenza che opera mediante il "retto uso dell'ostacolo", sembra dunque che quel popolo sia stato chiamato a inventare il diritto, a estirpare l'ingiustizia; quel popolo che fa risalire le proprie origini maschili a dei briganti e femminili a un ratto! Nella storia molte cose si possono imparare dai contrasti; ma occorre considerare i fatti per quel che sono, senza simpatie, né antipatie" (Rudolf Steiner, conferenza di Dornach del 16 settembre 1916, dal ciclo "Impulsi evolutivi dell'umanità. Goethe e la crisi del secolo diciannovesimo", Antroposofica, Milano 1976, pp.15-16). 

Ho faticato non poco a ricordare dove si trovavano queste osservazioni di Steiner, che all'età di 29 anni mi sconvolsero. Da allora io mi liberai della "politica" e mi interessai ad altro. Ecco perché io non comprendo assolutamente nulla di "politica". E me ne vanto.

"La romanità creò col "civis" un concetto avente caratteristiche che non esistevano prima della civiltà romana. A comprendere rettamente questo  concetto si avverte che esso è un po' come una pianta nata dal mero terreno politico-giuridico. Con ciò si attribuisce e si inserisce nel concetto di uomo un carattere politico-giuridico. Il concetto del "civis romanus", che è penetrato nel sangue dei popoli europei, sta in stretto rapporto con la politicizzazione del mondo dei concetti" (ibid. p. 23),

ovviamente ad uso del Delfino di turno.

"Alcuni giuristi fondano il nesso tra l'umanità moderna e la romanità, propriamente sul mero concetto del "civis", mediante il quale [...] l'uomo si inserisce in senso politico-giuridico nella sua comunità. Anche se non lo si ammette, con tale concetto l'uomo si inserisce nell'umanità in modo politico-giuridico. Aristotele parlava ancora di "animale politico"; egli metteva dunque ancora l'elemento politico in relazione con l'animale. Era un modo di pensare ancora del tutto diverso, un pensare immaginativo, non ancora un pensare politico; i concetti non erano ancora politicizzati.

Venne così formandosi un elemento che viene denominato secondo una categoria politico-giuridica. Non ci si rende conto che si denomina questo elemento con una categoria politico-giuridica, ma è proprio così; si sente l'effetto della mentalità politico-giuridico romana (magari lo si sente spesso solo inconsciamente) in quel mostro concettuale che in tempi recenti si è chiamato "civilizzazione" o "civiltà": un concetto che si fonda su quello di "civis" e del quale si è tanto abusato. Dietro a tutto ciò che è contenuto nella parola "civilizzazione" sta lo spirito romano. L'insistere sulla civilizzazione nel modo come oggi viene spesso fatto è indizio di mentalità romana, forse anche solo vagamente sentita: capita infatti che,usando un termine col quale si vorrebbe esprimere qualcosa di particolarmente elevato, si esprima senza saperlo una propria dipendenza da determinate forze storiche. Per chi scorga tutto tutto lo sfondo politico-giuridico della parola "civilizzazione", il pronunciare questo termine, nel senso in cui oggi viene usato, produce spesso una specie di pelle d'oca, una specie di recondito orrore. Fenomeni come questi bisogna pure enunciarli, perché la scienza dello spirito non è cosa per i bambini come qualcuno ritiene, ma è strumento di una seria conoscenza del mondo. Di fronte a questa seria conoscenza del mondo, molti concetti che oggi l'umanità adora come suoi idoli, cadranno dai loro piedistalli. La scienza dello spirito deve comprenderlo, poiché essa non è cosa per bambini. Essa non ha lo scopo di favorire una spcie di rapporto confidenziale cogli esseri del mondo spirituale, un rapporto piacevole, come quello che si può avere con i poeti; essa esiste per potersi accostare in tutta serietà al mondo spirituale e alle sue forze" (ibid., pp. 23-24).

Vi è dunque un diritto anticristiano oggettivamente di tipo imperiale, dittatoriale, violento, truffaldino, e criminale, partendo dal quale si vorrebbe parlare ancora oggi di "cittadinanza", di "reddito di cittadinanza", che è l'ultima follia dei non pensanti e credenti nello statalismo.

 

Occorre saper distinguere il reddito di base dal reddito di cittadinanza per non cadere dalla padella nella brace.

 

La base dei terrestri è la terra, non il "civis", e il reddito che la terra offre ai terrestri è la loro retribuzione, non la distribuzione, perché il distribuire presume un soggetto padrone della terra che invece è di tutti i terrestri.

Condividi post

Repost 0
creativefreedom
scrivi un commento

commenti

Presentazione

  • : Blog di creativefreedom
  • Blog di creativefreedom
  • : Musicista, scrittore, studioso di ebraico e dell'opera omnia di Rudolf Steiner dal 1970 ca., in particolare de "La filosofia della Libertà" e "I punti essenziali della questione sociale" l'autore di questo blog si occupa prevalentemente della divulgazione dell'idea della triarticolazione sociale. http://digilander.libero.it/VNereo/
  • Contatti

Link