Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog
5 agosto 2012 7 05 /08 /agosto /2012 11:38

FORZA-EVASORINon condivido l'idea di Leonardo di mettersi in politica, anche se il programma che segue lo reputo condivisibile. Credo comunque che questo movimento non potrà diventare un partito col nome che ha scelto: "Forza Evasori", perché ciò sarà impedito dalla mafia di Stato.

 

Fonte: Movimentolibertario.com

 

Ho deciso, entrerò in politica e lancerò un nuovo partito. Ho già scelto il nome: “Forza evasori”. Slogan: “La legittima difesa è un diritto naturale”. Il motivo di questa impresa? Non un uno, ma due:


1 - Se devo sentirmi accusare da qualche maniscalco dell’informazione di essere un turbo-capitalista o un neo-liberista o un iper-mercatista, tanto vale presentare un programma che per davvero sia tale;


2 - E’ un movimento assolutamente trasversale, di massa, dato che ad odiare il pagamento di tasse da rapina – come quelle in Italia, paese che detiene il record del mondo di pressione fiscale – sono un po’ tutti; sia quelli di destra che di sinistra, che quelli di sopra e quelli di sotto e, finanche quelli che si astengono, che votano scheda bianca o che neppure si recano alle urne.


Il nome non basta, neppure se provocatorio. Per farsi votare serve un programma. Nel mio caso si tratta di un “pentalogo”, che non chiamerò né “Manifesto”, né “Carta d’Intenti”, né “Contratto con gli italiani”, ma “Passaporto per la salvezza”, che non per forza è composto di soli temi fiscali. Intanto il preambolo, brevissimo: “Se la libertà significa qualcosa, allora significa il diritto di dire alla gente cose che non vuole sentire”. Non è mia ma di George Orwell, perciò ritengo sia perfetta.


A chi si rivolge “Forza Evasori”? A tutti coloro – uomini e donne – che non solo protestano e mostrano la loro insofferenza per il Leviatano italico, ma anche a coloro che son convinti che per ricostruire a “regola d’arte” sia necessario prima abbattere ciò che è irriformabile e, al contempo, sgombrare le macerie. Le chiacchiere stanno a zero, lasciamo spazio alle linee programmatiche:


DEL FISCO ME NE INFISCHIO:


E’ un dovere morale imperativo favorire il risparmio. Quindi:


1 - Tassa piatta al 15% sia per le persone fisiche che per quelle giuridiche. L’8% va ai Comuni, il 4% va alla Regione (o Provincia), il 3% va allo Stato. Gli enti locali potranno riorganizzarsi e ripartire gli introiti come meglio credono. Chi guadagna meno di 10.000 euro l’anno non pagherà imposte sul reddito.


2 - Tassa indiretta sul valore aggiunto I.V.A. al 5% su tutti i prodotti e servizi (pubblici e privati). Il 3% ai Comuni, il restante 2% ripartito a metà fra Regione (Provincia) e Stato.


3 - Semplificazione del sistema fiscale e burocratico in modo da permettere a chiunque di poter gestire la propria contabilità senza la necessità di ricorrere, obtorto collo, ad un commercialista. Da qui, due opzioni per calcolare il reddito:


a - Entrate meno Uscite (tutte), sulla rimanenza si paga la percentuale prevista dalla tassa piatta;


b - Forfait: pagamento trimestrale di una quota fissa di 2.500 euro per le persone fisiche e 5000 per le persone giuridiche.


4 - Abolizione di ogni imposta indiretta afferente carte bollate, timbri e stampiglie varie.


5 - Nessuna patrimoniale è ammissibile sulla prima casa.


6 - Introduzione del principio che divide il potere di spendere da quello di tassare. Come in Svizzera, ogni proposta fiscale potrà essere proposta dai diversi di livelli di potere, ma solo i cittadini con referendum (senza quorum) decideranno se la gabella va applicata.


Questa riforma va approvata entro il primo anno di governo e applicata a partire dal secondo. Qualora ciò non accadesse chiunque ha il diritto di evadere le tasse.


DIETA PALEOLITICA PER LO STATO


1 - Riduzione – entro due anni – del 50% del debito pubblico vendendo tutto ciò che è vendibile e di proprietà dello Stato (immobili e società). Licenziamento di 2,5 milioni di dipendenti pubblici – anche qui entro i primi due anni di governo – con un anno di preavviso per le persone toccate dal provvedimento. Tutti coloro che smetteranno di lavorare per lo Stato (ente pubblico in genere), potranno reinserirsi nel mercato del lavoro usufruendo di notevoli agevolazioni fiscali: per 5 anni non pagheranno alcuna imposta sul reddito; per i 5 anni successivi pagheranno una flat tax del 5%. Abolizione graduale di tutti i sussidi, partendo da quelli alle aziende e alle associazioni di volontariato (altrimenti non sarebbero tali). Verrà introdotto nella Costituzione il diritto all’autodeterminazione e l’uso dello strumento referendario per esercitare tale diritto.


2 - Totale separazione tra Stato e sovranità monetaria, quest’ultima spetta direttamente al popolo mentre allo Stato è fatto totale divieto di interferire nel sistema bancario e alterare la moneta.


IL FUTURO E’ MIO E LO DECIDO IO


Riforma del sistema pensionistico, che verrà totalmente privatizzato sul modello di quello cileno. Abolizione del sostituto d’imposta.


ABBASSO LA SQUOLA


Apertura del mercato dell’istruzione secondo queste direttive:


1 - Liberalizzazione dell’offerta con conseguente apertura del mercato a imprese che vogliano investire nel settore;


2 - Abolizione del valore legale del titolo di studio;


3 - Abolizione del Ministero della Pubblica Istruzione e di ogni programma scolastico nazionale;


4 - Libertà per chi vuole esercitare l’”homeschooling” (scuola a casa).


LIBERTA’ DI PENSIERO E DI CONFESSIONE


Abolizione di ogni rapporto costituzionalizzato fra religioni e Stato. Azzeramento di ogni tipo di sussidio e/o agevolazione.


Non serve altro, il programma nei dettagli è in fase di elaborazione. Come avrete notato, nessuna società anarchica in vista insomma, ma solo un sensibile e reale dimagrimento dello Stato. La sua ingerenza nelle nostre vite e il suo peso sono ormai oltre ogni umana sopportazione.


“Forza evasori” avrà anche un motto, ripreso dagli insegnamenti di un liberale d’antan, Luigi Einaudi: “La frode fiscale non potrà essere davvero considerata alla stregua degli altri reati finché le leggi tributarie rimarranno vessatorie e pesantissime e finché le sottili arti della frode rimarranno l’unica arma di difesa del contribuente contro le esorbitanze del fisco”. Una dichiarazione d’intenti per il nostro partito.


Da questo momento si attendono le adesioni degli interessati (nascerà il gruppo su Facebook e la relativa petizione), in modo da avviare sul territorio la macchina per prepararsi alla prossima contesa elettorale.

Condividi post

Repost 0

commenti

PigPen 08/07/2012 13:53

Grande Nereo, Monti è la quintessenza dell' arimanità. Solo i morti in vita possono dargli retta, non capire cosa fa, dargli retta e basta. Viva la Svizzera, l' Islanda e la Finlandia.

nereovilla 08/07/2012 17:26



Solo i morti in vita possono dargli retta, non capire cosa fa, dargli retta e basta! Zombie blues? Zombie blues!



Max the bastard 08/07/2012 10:44

Ho anch'io l'Ariete (ascendente) con il Leone che mi rendono troppo impulsivo nei giudizi. Auguro comunque a Facco un buon cammino per le sue idee sperando, come sempre, di avere torto.
Rifletterei ancora sul nome del partito, ma non ho alternative da proporre indi...buona fortuna!

nereovilla 08/07/2012 12:39



Oggi (non c'entra ma ti avviso ugualmente) è uscito l'articolo di Vecchi sul quotidiano "Libertà". Ora faccio la scansione e poi lo pubblico. Ciao. Anche questo non c'entra ma te lo dico
ugualmente: Monti è talmente cretino che è riuscito a farsi dare del fascista dai tedeschi! Ahahahahahaha aha aha aha aha! È il massimo del topo del top del top dell'imbecillità cosmica! Secondo
me il Supermario è la vera incarnazione di Arimane di cui parlava Steiner! Ahahahaha aha aha aha aha aha aha ah! 



Max the bastard 08/05/2012 13:16

Carrierismo non è evoluzione ma il suo contrario.

nereovilla 08/06/2012 12:11



Non so se è carrierismo quello di Facco. È dell'Ariete, e la concezione del mondo data da Steiner all'Ariete è l'idealismo. Una cosa è certa (ma è solo un mio parere) farà molte televisioni in
questo periodo (gliel'ho detto l'anno scorso guardando il suo cielko) ma non perché fonda il partito. Le farà semplicemente perché uno come lui con Urano transitante sulla cuspide della
comunicazione (settore 11°) non può non farsi sentire tramite le "antenne". A me dispiace perché gli voglio bene e secondo me in tal modo si farà solo odiare da un sacco di gente. Spero di
sbagliarmi. Non se lo meriterebbe perché è davvero un buono. E poi, a parte Giorgio Fidenato, è attorniato da molti imbecilli massimamente impositivi della libertà che non può essere
libertà, dato che la libertà non può essere imposta. Costoro non capiscono ciò.



Max the bastard 08/05/2012 13:15

Carrierismo! Punto! A monte

Presentazione

  • : Blog di creativefreedom
  • Blog di creativefreedom
  • : Musicista, scrittore, studioso di ebraico e dell'opera omnia di Rudolf Steiner dal 1970 ca., in particolare de "La filosofia della Libertà" e "I punti essenziali della questione sociale" l'autore di questo blog si occupa prevalentemente della divulgazione dell'idea della triarticolazione sociale. http://digilander.libero.it/VNereo/
  • Contatti

Link